La la land

Oggi!

oggi esce in Italia il film delle meraviglie, delle tante nominations agli oscar. 

Non amo i musical, mi annnoiano, ma questo non è un vero musical, è un film con splendida musica

Non ci speravo ma alla fine di agosto sono riuscita a vedere il film di apertura della 73 esima mostra, un film che non avrei mai voluto vedere se non fosse che il regista, damien chazelle, mi aveva piacevolmente sorpresa con “whiplash” film bello e non banale; se non fosse che chezelle ama la musica quindi questo film, classificato nel filone dei musical, non era un salto nel buio

Che meraviglia! la la land è una storia molto romantica dove “The dreams come true” ma non come si vorrebbe

Non racconto la storia, ci penserà chi sa scrivere di cinema meglio di me 

Ma c’è tanta bella musica, c’è il tanto amato jazz, c’è la storia d’amore che lascia spazio ad una lacrima spontanea, quel leit motiv così, il valzer che arriva a suon di sezione d’archi che fa volare, che fa sognare

Strizza l’occhio ai musical degli anni 50, si sente del buon jazz, si ride e ci si commuove, è il film giusto per aprire un film festival ed era prevedibile che arrivasse di diritto agli oscar
Brava la Emma stone, che io ho conosciuto  nel bel film easy girl, e che anche in questo la la land  ha quello sguardo quasi disperso ma sincero, vero
Di gosling posso dire che continuo a non vederlo poi così sex symbol ma m’ha sorpresa quella sua confidenza con il ballo ed il pianoforte 
Un film straordinariamente romantico, colorato, con quegli archi che ancora mi fanno venir voglia di danzare
Ha vinto 7 golden globe, ha 14 nominations agli oscar, spero vinca anche voi:-)

💕 

di ortyz

First lady

Fossi stata la first lady, al giuramento di mio marito, non trump ovvio, avrei messo uno dei due cappotti, forse quello senza collo. berretto e guanti in tinta

Senza borsa, ‘che io odio le borse
E avrei anche portato un regalo alla michelle, magari una gondola con ballerina, un must have assoluto
Sarei scesa dalla limou e:
 “lo so, non avrei dovuto rompere il cerimoniale ma ci tenevo molto ad imperversare sui social, ti ho portato un presente, magari lo lascio al giovanotto qui, questo con questa bella uniforme: lei, come si chiama? Jack, nane, toni? Ecco, prenda questo intrigo che ho fatto arrivare da venezia:) grazie caro! Facciamo la foto, beviamo il tea, meglio un cappuccino, e poi giuriamo ‘che fa freddo e voglio vedere se c’è il 65 pollici in salotto”
Non era difficile, vero!?
Ovvio che qualche megera avrebbe avuto da ridire sul mio cappotto, sulle scarpe, sul cappello.
Ma a me non me ne sarebbe fregato poi così tanto perché io sarei stata lì, e loro a perdere tempo sui social

😎😎😎
Fine

di ortyz