Narcos 

Tutta, ho visto tutta la serie narcos. Sono bastati quanti 

giorni, da venerdì..mumble..vediamo – ecco, sono bastati 5 giorni per finire la serie -tre puntate le avevo viste illegalmente- dedicata al criminale colombiano 
Di lui, dei narcotrafficanti, dei narcodollari, dei contras, sandinisti, delle rogne accorse a Reagan e poi a Bush sr, avevo sentito parlare in America, ancor prima nelle puntate di Miami vice

Nella serie si raccontavano storie dalla frontiera, dal luogo dove arrivava la droga spacciata dalla Colombia e dal centro America
Gli Stati Uniti avevano un po alimentato un mercato che dava potere a gente infame, a lui, al criminale più ricco al modo, al Pablo escobar, quello della serie che ero così curiosa di veder
Allora: la serie diventa faticosa dopo 4/5 puntate, ecco perché non si può vedere un episodio dopo l’altro. Diventa faticosa perché l’odio per quel maiale e, specialmente, per le donne -mamma, schifosa, davvero in questo caso- che lo idolatravano

Diventa faticosa perché saper che le vicende raccontate sono vere, che quello si credeva robin hood ed invece era uno dei peggiori criminali della storia recente
Non boccio assolutamente la serie, ma posso dire che le puntate di Miami vice erano e resteranno le preferite, che la storia va raccontata, che fa male vedere come un uomo possa essere così cattivo e come donne possano esserlo altrettanto
Se vi capita, guardatelo, per capire quanto possa essere disgustoso andare a letto con uno schifoso, lurido criminale, perché questo più di tutto mi ha colpito: qua ci inventiamo la parola “femminicidio” per distinguere le donne ammazzate ma non esiste una parola per le donne che tollerano i criminali, che adorano i criminali, che li scusano, qua siamo femministe a senso unico.
Narcos, produzione netflix.
  

Annunci
di ortyz