True detective 2

Ho visto un altro capolavoro, un altro firmato nic pizzolatto
Oggi, domenica d’agosto, ho rivisto una dietro l’altra le 8 puntate della seconda stagione di treu detective

Francamente non ho capito tutte le critiche negative a questo grande lavoro televisivo.
Forse chi ha criticato si aspettava qualcosa che riportasse alla prima stagione, ma pizzolatto aveva promesso una cosa diversa, e diversa è, questa stupenda seconda stagione 

Niente paludi, ma molto cemento e personaggi molto controversi, con i loro incubi e fantasmi del passato: un gangster e poliziotti, di cui uno corrotto

Ma si ama il gangster, si ama la sua storia d’amore con la moglie.

si ama il poliziotto corrotto per la sua sfortuna

 si ama l’ex navy seal sopravvissuto alle Incursioni nel deserto, lo si ama perché non sa come e dove trovare casa

E poi c’è la vera true detective, la donna che emerge da un passato doloroso con la freddezza che solo una bambina abbandonata può usare come arma di sopravvivenza

Una serie in cui le donne sono le vere protagoniste

Bellissime musiche, non amo fare riferimenti e paragoni, ma ho ritrovato un po’ di Miami vice, un po dei noir degli anni 40
Vince, qua, nic pizzolatto

Le critiche sono inutili: non è piaciuta perché, questa stagione, è arrivata dopo la prima, bellissima e lacerante come questa
Applausi
Adesso ho bisogno di cinema.

https://m.youtube.com/watch?v=cjl6mSO6Fow
   
   

Annunci
di ortyz

Odio l’estate

chi l’avrebbe mai detto? 

Ho sempre amato l’estate, la luce fino a tardi, stare al mare fino al calar del sole

cazzeggiare in campo, leggere e sentire musica sentendo il rumore del mare sardo

stavolta non é andata così: odio questa estate, odio il caldo opprimente, odio non potermi difendere da un evento climatico

dal freddo ci si protegge, quel vento freddo che si sente fino dentro al polmoni ma che fa sentir bene

questo caldo é un incubo: non c’è soluzione

no, c’è star chiusi in casa e cercar refrigerio pulendo fino allo sfinimento il frigorifero

spero rinfreschi, spero che la pioggia d’agosto, quando arriverà, rinfreschi davvero il bosco

La lunga estate calda, più calda di quella del Romanzo di faulkenr

aspetto. Aspetto la pioggia

perche io odio questa estate

M

di ortyz

Si avvicina Venezia 72

Si avvicina la mostra del cinema, mancano poche settimane e il lido sarà al centro del mondo per dieci giorni

Il programma si sa già da una settimana e tra i titoli, nella sezione giornate degli autori, ho visto un film sull’harry’s bar
Sono molto curiosa di veder questo film

L’harry’s bar è un mondo speciale

Non si va all’harry’s per dire “sono stata all’harry’s” 

E non si va lì per vedere i vip o i divi, perché dentro quella sala,seduti al bancone di quel bar, ai tavoli del ristorante, si è tutti divi

Si vive come dentro ad un film: si mangia bene, cose semplici e si è coccolati

Si è tutti in prima fila, si chiacchiera con i vicini di tavolo, con i camerieri, con lui, Arrigo in persona e con la dolce Carmela

È una favola, in una città che si sta snaturando, che di veneziano ha ben poco, oramai 

 
Eppure l’harry’s è sempre lì, all’angolo, scruta il bacino San Marco e la punta della dogana

E dentro quella stanza son passati scrittori, premi nobel, registi, presidenti, re e regine

E ci passo pure io, quando ne ho occasione

Mi sento bene, “nulla di brutto può accadere dentro quella stanza”

Lo avrebbe detto anche Holly, se non fosse stata a New York ma a Venezia

Avrebbe fatto colazione li, davanti alla porta di ferro marrone, la porta che si apre alle 10.30 e chiude alle 22.30
Come in un film
  

di ortyz